lunedì 12 gennaio 2015

Armando Trovajoli suona... Ciao, Rudy _ 1967


«Giovannini era più attaccato a Rugantino, Garinei sotto sotto preferiva Ciao Rudy perché gli piaceva il mondo di Fred Astaire. Ma lì ci fu una convergenza di fattori speciali. Il Sistina in quel momento sembrava davvero Broadway, c'erano le scene geniali di Coltellacci, un cast superlativo: Paola Borboni, Giusi Raspani Dandolo, Paola Pitagora, Giuliana Lojodice e poi ovviamente Mastroianni che, non dimentichiamolo, veniva da La dolce vita e da 8 e ½. In Ciao Rudy cantava, ballava, era quanto di più alto si potesse avere su un palcoscenico. Al punto che non è stato più possibile rifarlo»


«Per Garinei era un tormentone, ogni tanto mi convocava e mi proponeva un personaggio, ma alla fine non se ne faceva niente. Nessuno poteva prendere il posto di Mastroianni. Basta pensare a quando entrava in scena al momento di pensare a Quattro palmi di terra in California, che Rudy nello spettacolo immaginava come il luogo dove sarebbe stato sepolto. Mi ricordo che alla sera del debutto, dietro le quinte, Garinei piangeva. Io che lo chiamavo Torquemada, perché era impassibile, non si lasciava mai andare, rimasi di stucco.
Ciao Rudy toccò qualcosa di profondo che lo commosse fino alle lacrime».

Armando Trovajoli a Gino Castaldo, 18 maggio 2008



Credits:

Label: Vik
Catalog#: KLVP 161
Format: LP
Country: Italy
Released: 1967

Armando Trovajoli (piano),
Carlo Pes (guitar),
Maurizio Majorana (bass),
Roberto Podio (drums)



Tracklist :


A1. Ciao, Rudy – 4’55”
A2. Quattro Palmi Di Terra In California – 3’40”
A3. Abbiamo Julio – 3’44”
A4. Questo Si Chiama Amore – 6’14”
A5. Valentino Tango – 4’09”




B1. Gente Matta – 3’55”
B2. Così È Lui – 4’26”
B3. Il Mio Nome – 3’20”
B4. Piaceva Alle Donne – 3’49”

B5. Il Proibizionismo - 3‘27”



5 commenti: