lunedì 13 aprile 2015

Massimo Urbani _ Discografia Completa [2014] + Trio _ Live at Larry’s ’88




Approfitto di due nuove uscite discografiche che documentano la musica di Massimo Urbani, per un doveroso aggiornamento e la condivisione del mio testo che è stato ospitato nella 2° edizione del libro di Carola De Scipio, uscito per i tipi di Arcana nell’Agosto 2014.

Il libro non ha girato granché: ho visto giusto un paio di passaggi sul web (Jazz Convention e All About Jazzed un articolo di Luigi Onori su “il Manifesto”, mentre “L’Avanguardia è nei Sentimenti” è rimasto praticamente invisibile alle testate che compongono la critica specializzata*. 

Forse perché lavoro già noto [la 1° edizione è del 1999 per Stampa Alternativa], forse perché poco promosso dall’editore o forse perché la figura di Urbani era già scomoda in vita che, continuare ad interessarsi della sua musica oggi, non tira per il mercato.


Certo, nella seconda edizione non c’è più il CD allegato, che registrava Massimo in trio al Larry’s Club di Torino nell’ottobre del 1988, però ci sono le fotografie inedite di Roberto Masotti, che raccontano altrettanto dello spirito di Massimo, forse quasi quanto la sua musica.


Poi ci sono le i “nuovi testimoni” che tentano di far luce sugli anni più importanti per la formazione di Massimo Urbani perché, come racconta Carola nell’introduzione alla nuova edizione “Dopo l’uscita del libro, mi accorsi tuttavia che alla prima edizione mancavano delle parti importanti: innanzitutto il racconto degli inizi di Massimo, non esclusivamente collegato al corso di jazz tenuto da Giorgio Gaslini al Conservatorio di Roma nel 1973. Negli anni Settanta la musica jazz era in gran fermento e c’erano movimenti musicali e iniziative in diverse città italiane, oltre che a Roma. Massimo Urbani, come scoprirete leggendo la presente edizione, partecipò attivamente a diverse di queste situazioni”.


Per finire c’è questa mia discografia, perché nonostante non fosse tantissima la musica registrata da Massimo (inversamente proporzionale a quella da lui suonata, direi), c’era un po’ di confusione e, soprattutto, molte omissioni.

Nella prima discografia sulla musica di Massimo Urbani (a cura di Luciano Viotto), realizzata per l’inserto monografico apparso su Musica Jazz (n° 10, ottobre 1995), si potevano contare appena 30 dischi a nome del sassofonista romano. Successivamente, nella prima edizione de “L’Avanguardia è nei sentimenti” (Stampa Alternativa, aprile 1999), i titoli elencati nella relativa discografia salirono a 33. L’ultima lista conosciuta, in ordine di apparizione, a cura dei tipi di JazziT (set/ott 2013) segnala ancora qualche piccolo passo avanti nello sterminato mare d’incisioni che il nostro ha lasciato ai posteri, ma non si arriva nemmeno a 40.

Ad oggi, in questo mio lavoro, sono riuscito a raccogliere 66 registrazioni diverse, e su diverso formato, di Massimo Urbani e sono certo che tante altre potrebbero ancora manifestarsi alle nostre orecchie, se riuscissero a lasciare i cassetti dei ricordi o gli scatoloni dell’egoismo.


Come dicevo nell’introduzione al libro, avrei tenuto aggiornata la discografia su questo blog e con le due nuove uscite, il “Live in Chieti ‘79” dell’instancabile Paolo Piangiarelli (Philology, W 469.2) dove Massimo, in quartetto con Franco d’Andrea, Attilio Zanchi e Giampiero Prina, si produce in una versione di Milestones che, da sola, vale l’acquisto e la singola traccia del 1987 pubblicata sul “Live Collection” di Paolo Pellegatti (USR, US-CD 135/S), mantengo la promessa, portando a 68 le registrazioni conosciute del nostro.


In più, aggiungo anche la possibilità di ascoltare il Live at Larry’s ’88, perché OOP come la prima edizione del libro (e poi perché meritava). 

L’ascolto, la ricerca, l’empatia, la condivisione, insomma il resto, è tutta roba vostra.


* non me ne vogliano i lettori/amici/direttori delle uniche due riviste di Jazz italiane, ricordo benissimo gli speciali dedicati a Urbani (Musica Jazz giugno 2013 – JazziT sett/ott 2013), ma è che per me di genii come Max, Bird, Monk (ma anche Frank Zappa), non se ne parla mai abbastanza!


***********************
Photos by Roberto Masotti
************************ 


Credits:

Massimo Urbani Trio
Live at Larry’s ’88

Label: Stampa Alternativa
Catalog#: CMCD.04
Format: CD
Country: Italy
Recorded: at "Larry's Club",
Turin, October 13 and 14, 1988

Massimo Urbani (alto sax),
Furio Di Castri (bass),
Manhu Roche (drums, perc)


Tracklist :


1. Trane From The East - 12:48
2. Invitation - 10:03
3. Everything Happens To Me - 8:29




4. Theme For A Symphony - 15:07
5. You Don't Know What Love Is - 12:27
6. Cherokee - 2:35

7 commenti:

  1. ho comprato il libro finalmente l'ho trovato grazie per la discografia ci sono dei link tinyur per alcuni live ma non trovo nulla puoi aiutarmi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rob,

      i link alla discografia rimandano a questo blog e sono anzitutto attivi per aggiungere dettagli che non hanno trovato posto nell'edizione "a stampa" (cover, recensioni, etc); alcuni rimandano a dischi di Urbani tutt'ora disponibili, altri ad incisioni Out Of Print, ed altri ancora a LIVE in mio possesso che sono ancora in fase di pubblicazione su Jazz from Italy.

      Hai una lista dei tuoi desiderata?

      Elimina
    2. Live in Brescia 74, Live in Bern 77, Palazzina Liberty. Il resto mi sono comprato tutto il possibile del grande Max!! E grazie anche al tuo Blog ho potuto ascoltare dischi introvabili.

      Elimina
  2. novità per Massimo Urbani??? Ancora grazie....
    ma è possibile trovare Live at berlin Jazz con il grande Max??

    RispondiElimina
  3. @rob 60: ma cosa intendi? il "Live at the Berlin Jazz Days´84" è in realtà il titolo che York v. Prittwitz ha dato quando ha ripubblicato il materiale già presente su "Autumn Song" (Enja 4094 - Lp, 1985) a nome di Enrico Pieranunzi, in CD per la sua YVP (vedi Registrazione n°39 della discografia). C'è da dire che nella versione CD ci sono due ulteriori registrazioni di quella serata, di cui una sola in quartetto con Massimo Urbani, ("Will you still be mine?" by Adair-Dennis - 10’19”), purtroppo incompleta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ovviamente quest'ultimo è abastanza disponibile in giro...

      Elimina
    2. ho trovato palazzina liberty... bern 1977 con lester bowie non c'e verso di trovarlo e meno che mai brescia 1974, pero' non mi perdo d'animo, ciao

      Elimina